Falcone-Borsellino

LO STATO SIAMO NOI

Capaci di ricordare, Capaci di scegliere, Capaci di costruire un mondo migliore dove la cultura della legalità diventi un’opportunità per tutti.

A 30 anni dalle stragi del 1992 in cui morirono i magistrati Falcone e Borsellino, l’Istituto Comprensivo ha voluto mantenere vivo il ricordo e l’impegno di “uomini giusti” che hanno lottato per abbattere una piaga sociale fatta di sopraffazione, abusi, ignoranza.

Alla manifestazione, svolta il 31 Maggio nel cortile della Scuola Secondaria I Grado “Mazzini”, hanno preso parte Sua Eccellenza, Prefetto della BAT, Maurizio Valiante, le autorità civili, religiose e militari, la Dirigente Scolastica, i docenti e gli alunni che, insieme, hanno sottolineato come la promozione della legalità e la giustizia deve diventare un impegno di tutti, ciascuno nel suo ruolo e nelle sue responsabilità.

Una mattinata intensa dove i ragazzi si sono cimentati in canti, balli, riflessioni accompagnando così l’inaugurazione  del murales intitolato “ Lo stato siamo Noi”, progettato e realizzato dal prof. Iacobone, la prof.ssa Santomauro e il prof. Addati e da tutti i docenti e alunni dell’Istituto con un forte messaggio di speranza e di consapevolezza.

“La mafia teme la scuola più della giustizia. L’istruzione taglia l’erba sotto i piedi della cultura mafiosa”. Queste parole di Antonino Caponnetto, citate dalla Dirigente S., sono diventate l’invito rivolto alle nuove generazioni ad affrontare la vita dandone un senso. La cultura rende liberi e ci insegna a riflettere, è la nostra fonte inesauribile contro ogni ingiustizia.

VIDEO